Festa di S. Brigida: Tradizione e attualità

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone

Fede e tradizione nei secoli di storia continuano ad alimentare   un cristianesimo che  è vivo e presente, ma  spesso stenta a manifestarsi nel caotico quotidiano della nostra città di Napoli. E così il ricordo di S. Brigida a Napoli, nel grandioso tempio, esempio mirabile del barocco napoletano, a lei dedicato, e la presenza secolare  della  comunità leonardina, che ne perpetua la devozione,  hanno dato vita anche quest’anno alla festa liturgica di questa grande Santa, che la Chiesa ci presenta in tutta la sua ricchezza evangelica. Il privilegio di copiose Rivelazioni, la meditazione della passione di  di Cristo Crocifisso,la devozione alla   Madre del Redentor sono stati  i grandi temi trattati nel triduo di preparazione. Ha presieduto la Solenne Concelebrazione il P. Vincenzo Molinaro, nuovo Rettore Generale dell’Ordine leonardino, che si è detto soddisfatto  del suo ritorno a S. Brigida dopo qualche anno e con felici pennellate ha delineato la vita della nostra Santa: grande donna, Sposa e madre di santi figli,profonda conoscitrice delle vicende politiche dell’Europa  e  della Chiesa del tempo,  sofferente per la crisi avignonese e per le eresie sempre risorgenti, ma specialmente grande mistica e sognatrice di una santità della vita guardando all’Amore crocifisso di Gesù e di Maria. Alla gioia della festa e della preghiera ha contribuito, oltre la presenza  delle Suore Brigidine, la sera della vigilia, quella dei Cavalieri e le Dame di S. Brigida e  un gruppo di ammalati dell’UNITALSI. Il servizio del Coro parrocchiale e la fattiva azione di tutti i collaboratori  hanno reso festoso questo momento che si è concluso con la gioia della convivialità della Comunità religiosa e parrocchiale.