VERGINE ADDOLORATA

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Print this pageEmail this to someone

La Vergine Addolorata di S. Brigida

Vergine AddolorataQuesta antica effigie della VERGINE ADDOLORATA venerata in S. Brigida, apparteneva alla famiglia Marotta,dimorante di fronte alla chiesa. Essa l’aveva acquistata a Roma intorno all’anno 1731, facendola benedire dal Papa Clemente XII. In occasione della anarchia verificatasi a Napoli alla caduta della Repubblica Partenopea, la furia rivoluzionaria, che ebbe i suoi momenti più tumultuosi nel gennaio 1799 con saccheggi e nefandezze, non risparmiò detta famiglia. I suoi componenti prevedendo l’imminente istante di una fiera aggressione e di un inevitabile assalto alla loro casa, “ si concentrarono trepidanti nella stanza consacrata al culto della Vergine Addolorata,” promettendole una più degna dimora per la protezione materna implorata. E il prodigio sorprendente si avvera, poiché la folla licenziosa che senza legge, che puntualmente assalta, quella casa abbattendone la porta, si ferma con sguardo smarrito davanti all’immagine della Madre Celeste e alla famiglia trepidante prostrata ai suoi piedi. Deposto ogni intento di distruzione la folla si dilegua in un baleno. La notizia dell’evento prodigioso si sparge velocemente e la casa diventa mèta di devoto pellegrinaggio di persone desiderose di rendere omaggio a Maria e di chiederle aiuto. I Padri Leonardini il 17 Agosto 1799 l’accolgono solennemente e da allora ne prendono filiale cura in S. Brigida, dove già radicata era la devozione alla Madre di Dio dei Sette Dolori. Sempre grande è stato l’amore di Napoli alla Vergine Addolorata di S. Brigida, sia nei momenti di calamità e sia nelle ricorrenze liturgiche della Chiesa, che la volle onorare con un solenne rito di Incoronazione il 1° Giugno 1881.